<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=2115093345406354&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Lufthansa PartnerPlusBenefit

3 consigli per mantenere il proprio work-life balance

work-life balanceSempre più aziende attivano regolarmente misure a sostegno del work-life balance dei collaboratori. Soluzioni flessibili, pensate per bilanciare al meglio vita privata e lavorativa, con un occhio attento alle esigenze dei singoli.

È possibile dedicare le stesse accortezze durante una trasferta? L’articolo di oggi affronterà questo tema, focalizzandosi su 3 suggerimenti utili a controllare ed equilibrare il tempo in viaggio:

  • Individuare i comportamenti che agevolano il benessere
  • Costruire una routine
  • Organizzare il proprio tempo


Le misure per proteggere il work-life balance in viaggio

Sostenere strategie mirate al supporto del benessere dei collaboratori è un obiettivo di molte organizzazioni. Se storicamente, infatti, si credeva che l’aspetto economico fosse l’impulso che guidava le scelte professionali, è chiaro come al giorno d’oggi rappresenti solo uno tra i molti fattori in gioco.

Benessere e soddisfazione assumono un ruolo sempre più centrale all'interno delle dinamiche aziendali, tramutandosi in elementi cardine per incrementare i risultati. Chiaramente, quando parliamo di soluzioni mirate al miglioramento della qualità della vita, con un impatto positivo sulle performance, non possiamo non menzionare i piani di welfare rivolti al rispetto del work-life balance.

Bilanciare impegni professionali e vita privata è una priorità per molti, non esclusiva di coloro che svolgono le proprie attività in ufficio. Ultimamente, i business traveller si sono distinti per lo sviluppo di nuove tendenze, mirate al godimento del tempo libero, di hobby e del perseguimento di interessi personali. A partire da questi trend è possibile stilare validi suggerimenti per mantenere il proprio work-life balance anche in viaggio.

Posto che essere informati è fondamentale per limitare eventuali imprevisti e conoscere regole e procedure che semplificano la gestione del viaggio d’affari, nelle prossime righe ci focalizzeremo sulle soluzioni per bilanciare attività lavorative e personali.

 

New Call-to-action

 

1) Individuare i comportamenti che agevolano il benessere e replicarli

Per prima cosa, occorre individuare e correggere le abitudini che possono ostacolare un atteggiamento positivo e costruttivo. Impegni e responsabilità, pur essendo considerati uno stimolo alla crescita professionale, possono dare vita a senso di inadeguatezza, paura o perfino ad una carenza di autostima. Il consiglio, quindi, è di focalizzare le energie sulle attività che possono generare sentimenti di soddisfazione e gratificazione.

Assumere una mentalità positiva, concentrandosi sul raggiungimento degli obiettivi e sulla qualità del tempo dedicato al lavoro, più che alla quantità è il punto di partenza per fare prevalere il benessere e la motivazione.

Una delle modalità per migliorare l'esperienza in viaggio è rappresentata dalle lounge aeroportuali, scopra di più nella guida gratuita cliccando qui! 

2) Dare vita ad una nuova routine

Il viaggio d’affari non deve essere una scusante per accantonare le buone abitudini che fanno parte della propria quotidianità.

Ovviamente, occorre allineare tempi e ritmi alle nuove circostanze, ma rispettare una routine è possibile. Uno degli elementi che condiziona, in modo particolare, la vita di un trasfertista è l’alimentazione, ragion per cui la scelta del pernottamento è un aspetto cruciale della pianificazione di un viaggio d’affari. Dedicare almeno 30 minuti a una colazione salutare permetterà di acquisire le energie per affrontare la giornata, spesso intensa e ricca di appuntamenti.

La salute è un ulteriore fattore in gioco, soprattutto se si è abituati a svolgere regolarmente attività fisica. Ritagliarsi del tempo per una camminata all'aria aperta o per una corsa in palestra si rivelerà benefico sia per lo stato psico-fisico che per la percezione della qualità della vita.

3) Organizzare il proprio tempo

Un elemento che, senza dubbio, influisce sulla soddisfazione della trasferta di lavoro è il tempo a disposizione. Ritmi intensi, appuntamenti di lavoro che si susseguono e riunioni programmate una dopo l’altra possono alterare la concezione del tempo.

Una giornata lavorativa ricca di impegni non esclude la possibilità di dedicare momenti a se stessi; occorre organizzarsi per ottimizzare la propria agenda, come del resto è richiesto da qualsiasi attività quotidiana. Prima di iniziare la giornata ci si può coccolare con una buona colazione, una volta conclusi gli impegni uscire a cena, leggere un libro o guardare un film prima di andare a letto.

 

Nell'articolo di oggi abbiamo sottolineato l’importanza di mantenere il proprio work-life balance, sia nella quotidianità professionale che nel corso delle trasferte. Chiaramente, tra i business traveller emerge la necessità di incrementare le performance e il viaggio di lavoro rappresenta un terreno fertile per raggiungere obiettivi importanti. Come abbiamo visto, è fondamentale non compromettere il benessere psico-fisico, ma dedicarsi ad attività, interessi e passioni personali per ottenere, così, risultati sempre più tangibili.

Scopra come ottenere vantaggi esclusivi e sostenere il benessere dei collaboratori, grazie ai premi del programma gratuito di incentivazione aziendale PartnerPlusBenefit. Clicchi qui sotto per i dettagli!

New Call-to-action

Tags: viaggiare sicuri, organizzazione viaggio d'affari, benessere aziendale, trasferte di lavoro

Benefit Blog 

Informazioni, notizie e molti spunti utili per i viaggi di lavoro. Il luogo ideale in cui ricevere aggiornamenti e consigli per ottimizzare il viaggio aziendale.

Si iscriva alle notifiche del Blog

New Call-to-action

Articoli Recenti